Intervista al Presidente dell’Associazione Bassotti e poi più .

Comment 1 Standard

La nostra inviata speciale Happy oggi ha intervistato Sabina Gioia, presidente dell’Associazione Bassotti e poi più.

Happy : Buongiorno Sabina, grazie per aver accettato il mio invito. Da quanto tempo sei presidente dell’Associazione?
Sabina : Dalla primavera del 2012 e a Maggio 2017 sono stata confermata per il secondo mandato.
Happy : Come mai avete scelto il nome BPP?
Sabina : È il nome breve per Bassotti…e Poi Più, che è nato come gruppo facebook una sera tra alcuni amici appassionati di bassotti e poi … ha avuto una grande evoluzione! In seguito la denominazione è stata donata dall’ideatrice del gruppo e lo stesso è successo con il logo – che noi chiamiamo affettuosamente Beppo – creato per l’occasione da un’altra bassottista. Ora è un marchio registrato a esclusivo utilizzo dell’Associazione.
Happy :  Come nasce l’Associazione ?
Sabina : Il gruppo facebook ovviamente non poteva “agire” appieno, ci voleva una figura giuridica… ecco che il 21 giugno del 2011 fu costituita l’Associazione Bassotti … e Poi Più.
Happy : Quali sono le finalità dell’Associazione ?
Sabina : Le finalità sono quelle di un’associazione animalista specializzata in una razza: aiutare i bassotti e i derivati che siano in difficoltà, le cui famiglie originarie siano in qualche modo assenti. Bassotti che non hanno più bipedi di riferimento o che vengono lasciati in canile, trovati sul territorio e quelli di allevamento, che per i motivi più disparati non possano essere venduti. E questa è l’attività del nostro Rescue, ma l’Associazione si prodiga nel far conoscere ogni aspetto della razza e a coltivare la cultura cinofila in senso generale. Molto interesse desta il gruppo “Bpp e l’ernia”, dove si parla di questa patologia che può colpire non solo i bassotti, ma anche molte altre razze dalla schiena condrodistrofica.
Happy : Sembra impegnativo, ti posso chiedere come si finanzia l’operato dell’associazione?
Sabina : Con le donazioni che i soci e i simpatizzanti fanno nel corso di eventi, reali e virtuali, e da quando siamo diventati Onlus nel 2015 – anche tramite quanto destinatoci con il 5 per mille con la dichiarazione dei redditi.
Happy : Com’è il rapporto con le altre associazioni presenti sul territorio?
Sabina : La nostra è un’associazione che si sviluppa su tutto il territorio nazionale e in ogni regione ci confrontiamo con quelle locali che spesso ci segnalano bassotti arrivati a loro. Con l’album Zampe Amiche, nella pagina su facebook del Bassotti Rescue Associazione Bassotti e Poi Più, diamo una maggiore visibilità tra gli appassionati del corpo-lungo/zampa-corta. Come rescue di razza siamo in costante contatto con tutti, tutti quelli che hanno piacere di collaborare, con serietà e correttezza.
Happy : Com’è il rapporto con le istituzioni?
Sabina : Ottimo, siamo stati nominati dalla magistratura più volte curatori di bassotti trovati in maxisequestri. La crescita che ha accompagnato il nostro percorso in questi 6 anni ci ha portato a fare le cose “alla regola” e questo è una variabile che ci contraddistingue molto apprezzata.
Happy : Sai che sono curiosa… Mi spieghi come procede l’Associazione quando viene contattata da un privato, che chiede aiuto perché non può più tenere il suo cane ?
Sabina : Viene inviata una scheda per conoscere quanto più possibile del carattere e delle abitudini del cane, poi si procede con la cessione del chip a nome di ABPP e solo in quel momento si attiva la ricerca per una nuova famiglia. Se poi quella originaria non lo potesse tenere fino al trasloco sul nuovo “divano”, il bassotto viene affidato in stallo presso una delle nostre Oasi, (che sono famiglie, non box!).
Happy : Ma come sono le procedure per adottare un cane dell’Associazione ?
Sabina : Va compilato un modulo che si può trovare nel nostro sito. Dopo una scrematura in base alle esigenze del cane (che per noi sono prioritarie,) si farà una visita di verifica dell’ambiente, che dovrà essere a misura di bassotto. Poi si organizza il trasferimento. Viene affidato solo temporaneamente per un periodo di tempo variabile, che può essere anche determinato dalla situazione clinica del cane. Solo dopo aver constatato la buona convivenza, si procede con la cessione del chip all’adottante.
Happy : L’Associazione è rimasta in contatto con cani adottati ?
Sabina : Siamo in contatto con tutti gli adottanti tramite le “madrine” ovvero le volontarie che hanno seguito l’inserimento del cane in famiglia. Cerchiamo di non essere invadenti, ma i nostri adottanti hanno piacere di restare collegati e noi di seguire la vita dei piccoli. C’è anche chi decide di associarsi e partecipare attivamente per aiutare altri bassotti in difficoltà.
Happy : A questo punto non posso non chiederti che se guardi al passato pensi di aver fatto un buon lavoro?
Sabina : La nostra è una squadra poliedrica, ognuno nel team Rescue ha portato la sua esperienza e con questo siamo riusciti a ottenere un buon livello, ma il miglioramento è sempre in progressione. I nuovi soci portano linfa e idee, alcune davvero interessanti. A volte manca solo… il tempo!
Happy : Cosa speri o ti aspetti dal futuro ?
Sabina : Vorrei che non ci fosse bisogno di alcun rescue, ma è un sogno. Ci sarà sempre qualcuno che per un motivo o per l’altro dovrà separarsi dal suo cane. Per queste persone noi ci saremo, speriamo per molto altro tempo.
Happy : Un’ultima domanda Sabina. Dietro al Presidente c’è una donna, come è cambiata la tua vita personale da quando ti occupi dell’Associazione ?
Sabina : In modo sostanziale. Intanto adesso i bassotti di casa sono diventati tre. Si è aggiunta Bettina, mascotte dell’associazione, una kaninchen nata con un grave difetto alle zampine e che, operata più volte, ora sembra intravvedere una chance di vivere una vita quasi normale, certo senza correre o marciare, ma potendo stare in piedi. Tra i bipedi alcuni non hanno accettato il mio impegno, altri lo hanno capito e sostenuto. Non è facile essere a disposizione di tutti, ogni giorno. Bisognerebbe poter fare delle scelte, ma manca il tempo anche per quello. Diciamo che ho una vita vorticosa, rispetto a prima. Devo comunque aggiungere che ho trovato molti amici in questo ambiente: la comune passione ci unisce al di là di ogni altra caratteristica.
Happy : Cara Sabina ti ringrazio di esser stata qui con me a rispondere a poche ma importanti domande. Non ci resta che ringraziare tutte le persone che quotidianamente partecipano e collaborano con l’Associazione. Buon Lavoro !!
Per tutte le informazioni ci trovate su http://www.bassottiepoipiu.org
IMG_7229

Facebook

Leave a comment Standard

Seguici sulla nostra pagina di facebook…

ne leggerai delle belle !!

Le Avventure di Potty

Potty in auto

Comments 2 Standard

E’ divertente viaggiare con il proprio compagno a quattro zampe vicino, finchè ne hai solo uno, ma cosa succede se diventano più di uno?

L’art. 169 del codice della strada, comma 6, parla chiaro ” Sui veicoli diversi da quelli autorizzati a norma dell’art. 38 del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C. ” pena una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335. 

Precisiamo che, pur avendo un solo animale domestico in auto, il nostro amico deve essere assicurato con una cintura di sicurezza, possibilmente sul sedile posteriore al fine di agevolare la nostra guida. 

Se il numero di animali domestici aumenta bisogna attrezzarsi di conseguenza. Un trasportino da viaggio potrebbe essere una buona soluzione per chi non ha piacere di lasciare i propri amici nel bagagliaio dietro ad una rete fissa. Oggi in commercio ci sono veramente diverse soluzioni per i nostri amici a quattro zampe, di diverse dimensioni per soddisfare ogni richiesta, ma soprattutto per salvargli la vita in caso di incidente.

Mamy : ” allora Potty hai capito ? dovrai viaggiare nel trasportino con Happy !!”

Potty : ” Mamy e Coso dove lo mettiamo ? nel baule ?!?!? “

IMG_8520

 

QUATTROZAMPE IN FIERA

Leave a comment Standard

Quattrozampeinfiera è un evento unico nel suo genere, è la manifestazione più pet friendly d’Italia, che consente ai proprietari di cani e gatti di vivere 2 giorni di divertimento, formazione e informazione in compagnia dei propri “amici pelosi”.

Educatori, comportamentalisti, veterinari, associazioni e aziende, tutti rigorosamente a disposizione dei visitatori per consigli, formazione, informazione, aggiornamenti e vendita di prodotti e servizi.

Un luogo in cui poter interagire con i player di settore per confrontarsi e migliorare la qualità della vita col proprio “amico fedele”.
Un format vincente, spesso imitato e mai eguagliato, quest’anno ancora più ricco.

Da 5 anni presente sul territorio nazionale in 4 città: Padova, Milano, Roma e Napoli.

Le Avventure di Potty con i suoi protagonisti, saranno presenti nell’ultima tappa di Padova 11 e 12 Novembre, vi aspettiamo !!

Quattrozampe in fiera

quattrozampe-in-fiera-2017

I SALUTI DI MAURIZIO BATTISTA 

Leave a comment Standard

INCOLMABILE

Leave a comment Standard

Un giorno sei arrivato tu… all’inizio ero spaventata, non ero sicura di volermene occupare così ti ho preso come un gioco e ho vissuto due settimane ridendo e scherzando con te… eri un giocattolino, il mio primo compagnuccio di risate, di rincorse e dispettucci simpatici. Ma un giorno mentre ti facevo uno dei miei soliti scherzetti sei caduto …da un’altezza irrisoria ma sei caduto sul fianco per terra e ti sei spaventato… urlavi e piangevi, incredula ti ho preso in braccio come si fa con i bimbi tu hai appoggiato la testolina sulla mia spalla e mugugnavi… un pianto lento una cantilena degna di ogni bambino… tremavi e piangevi rapendo il mio cuore all’istante !

Non eri più un gioco eri il figlio che tanto avevo desiderato, quanto ti ho aspettato..così se ben ricordi ti feci una promessa “ non ti farò mai più piangere… ti amerò per sempre figlio mio” siamo stati li abbracciati per un sacco di tempo…un’eternità … MA QUANTO TI HO AMATO FIGLIO MIO !! Siamo diventati inseparabili… ho cambiato tutta la mia vita, IN MEGLIO, per averti sempre con me fino a quando non ho potuto mantenere la promessa e sei volato in cielo.

Il rimorso mi perseguita da allora, avrò fatto abbastanza ? non credo !

Ho battuto ogni strada per salvarti la vita ? non lo so!

Tu non ci sei più da tre anni ormai e il vuoto che hai lasciato è incolmabile, INCOLMABILE . CIAO AMORE MIO…CIAO TOBIA.

tobia